Con “Bent” di Martin Sherman si chiude la prima edizione della rassegna Funthéâtre

Condividi

La rappresentazione di “Bent” di Martin Sherman, portato in scena dall’Associazione culturale Masaccio di San Giovanni Valdarno (Arezzo) chiuderà domani, martedì 24 gennaio, al teatro Giacosa la prima edizione della rassegna “Funthéâtre”, spin-off del Festival internazionale del teatro per ragazzi e ragazze della città di Aosta “Enfanthéâtre” che ha segnato il ritorno della drammaturgia “per un pubblico adulto” nel programma degli eventi organizzati dall’Amministrazione comunale.

Come per gli spettacoli precedenti, anche per “Bent” sono previste tre rappresentazioni nel corso della giornata: alle ore 9 lo spettacolo per le scuole superiori; alle 11,30 la replica che, per l’intensità del dramma, sarà di nuovo dedicata agli studenti e alle studentesse delle superiori, e l’appuntamento serale aperto a tutti.

 Il dramma, scritto di Martin Sherman, andò in scena per la prima volta nel 1979 al Royal Court Theatre di Londra. Fino a quel momento c’era scarsissima conoscenza della persecuzione nazista contro gli omosessuali. “Bent” racconta la storia d’amore tra Max e il ballerino Rudy nella Germania hitleriana pre-bellica e la deportazione nel campo di concentramento Dachau dopo l’arresto da parte della Gestapo.
La forza del testo sta nel fatto che pone l’accento sulla capacità di prendere coscienza della propria dignità e sul valore dell'amore in una situazione di completa disumanizzazione, e lo fa a tratti con tagliente ironia.
Protagonisti in scena saranno gli attori Henrj Bartolini, Gabriele Giaffreda, Alessandro Novolussi, Francesco Tasselli e Pietro Maria Virdis.

Lo spettacolo è in programma alle ore 21. Prezzo del biglietto: 3 euro per gli “under 29” e 5 euro per gli “over 29”.

23 gennaio 2023 - 17:30
FM
Condividi